Loading...

Modulo formativo

Scrivere le emozioni

Prendendo spunto dal testo di G. Rodari “Sette e uno. Sette bambini, otto storie”, il modulo – destinato a ragazze/i delle prime classi di scuola secondaria di primo grado – si propone di utilizzare la scrittura come “prolungamento del sentimento”: utilizzare, dunque, la scrittura come pratica privilegiata per nominare e condividere le proprie emozioni, per fare educazione sentimentale.
Si lavorerà sul confronto e sull’editing condiviso. Il modulo sarà un’officina delle parole, in cui si imparerà a leggere un testo letterario per imparare a leggere se stessi, gli altri e la realtà, fino a ridurre il divario fra intenzione di scrittura e prodotto finale. Perché la scrittura diventi letteratura non basta lo sfogo e lo spontaneismo del diario o dell’autobiografia. Per funzionare, la scrittura deve subire un trattamento, e dunque la pratica della scrittura sarà improntata alla prova e all’allenamento. Essa sarà frutto di esercizio, cioè di un attento lavoro artigianale, senza tuttavia venir meno ad un’attenzione a linguaggi fluidi e magmatici. L’apprendimento della scrittura sarà sempre inteso come possibilità di espressione e di comunicazione delle proprie emozioni. Risultato dell’attività una serie di testi originali, da racchiudere in particolari pubblicazioni da rendere oggetto di momenti di condivisione con compagni/e della stessa fascia di età appartenenti alla stessa scuola proponente e delle scuole del territorio, in momenti curricolari come occasioni di mostra/dibattito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *